Cos’è lo Yoga?

Lo YOGA è prima di tutto una Scienza

Lo YOGA in quanto Scienza rappresenta l’insieme di un procedimento e può essere approfondito attraverso le innumerevoli Discipline che racchiude e che si compenetrano. Certamente le principali e maggiormente diffuse in occidente sono Hatha Yoga, Pranayama e Meditazione, le quali a loro volta racchiudono un più vasto sistema di metodi e di tecniche che si sono sviluppate nel corso di migliaia di anni.

Lo Yoga quindi non è la Disciplina, ma è chiaramente uno strumento più ampio e complesso, decodificato in Discipline che si sono evolute per ottenere dei “risultati precisi”.
Questo può sembrare un’eccessiva considerazione, ma è bene chiarirlo, poichè i risultati ottenuti dalla pratica delle singole Discipline sono una cosa, fondamentale e a volte difficile da conquistare, ma è necessario inserire quei risultati in un percorso e non dovrebbero essere confusi con l’obiettivo finale.

Continuando a riferirci allo Yoga in termini generici, gli obiettivi delle singole Discipline ci spingeranno a desiderare di acquisire anche tutti gli altri.
Non importa quale delle Discipline abbia per prima attirato la nostra attenzione, dalla quale ci sentiamo intimamente richiamati o che causalmente abbiamo provato sull’invito di un amico.

 

Se le nostre motivazioni vanno oltre l’aspetto salutistico attribuito allo Yoga, non tarderemo a comprendere ciò che il termine stesso racchiude implicitamente.

 

Yoga com’è risaputo significa Unione, stando alla traduzione letterale più verosimile, ed essendo una traduzione si può quindi prestare a molteplici interpretazioni.
Tuttavia, se abbiamo la possibilità di approfondire seriamente una delle Discipline contenute nello Yoga, ci accorgeremo che quell’Unione è possibile solo ampliando la nostra esperienza anche a tutte le altre. Le Discipline si compenetrano, e sono in minore o maggiore presenza a seconda della tecnica che si sta praticando.

Già solo per approfondire una delle Discipline racchiuse nello Yoga può servire molto tempo, dedizione pratica ed energia, ma questi sforzi non possono condurci lontano se non sono anche il frutto di un profondo desiderio di scoprire la vera natura dell’Essere Umano.
Certo, una mente ordinata e un fisico in buona salute sono importanti, ma questo non rappresenta la totalità di una consapevolezza che potrà dare veramente un senso alla nostra esistenza, cosa per cui lo Yoga è stato concepito.
Ricordiamoci che è un procedimento, e in quanto tale può essere verificato da tutti quelli che sono disposti a sperimentarlo nel suo complesso, nei tempi, con i metodi necessari, e soprattutto all’inizio servendosi di una guida esperta.

 

A fronte di una scelta davvero ampia e variegata, come facciamo ad orientarci correttamente?

Prima di tutto è necessario non illudersi mai, in secondo luogo riconoscere che in realtà sullo Yoga abbiamo molte considerazioni, ma non una vera conoscenza.
Non esistono bravi o cattivi insegnanti –  tra questi c’è anche chi mente per interessi dicendo di essere un maestro, oppure altri che si riempiono la bocca con parole che non hanno realizzato, fatto sta che anche loro hanno comunque un’esperienza da condividere.
Esistono insegnati che si trovano a livelli differenti, questo sì, essendo anche loro dei praticanti prima di tutto; per cui possono essere nei primi anni dell’insegnamento, come possono anche non aver ancora indagato in profondità la Disciplina che insegnano. Magari a loro basta quel poco o tanto che sanno.

 

Dobbiamo riconoscere cosa vogliamo e cosa stiamo cercando.

 

Il nostro consiglio è quello di provare, anche sulla fiducia, senza pregiudizio per non condizionarci da soli, ma certamente con spirito critico.
Se dopo alcune lezioni il metodo non soddisfasse le vostre aspettative o se vi sentiste inadatti per qualsiasi ragione, ci si ricordi sempre che per quanto simili le tecniche, il metodo con cui si praticano può differire anche di molto da stile a stile e da istruttore a istruttore.
In quel caso sperimentate altrove, anche se vi accorgete che quello che state praticando non ha prodotto risultati nel vostro quotidiano.     

Come avvicinarsi alla pratica

Considerando lo Yoga nella sua interezza, in quanto Disciplina è certamente comprensibile come il suo approfondimento debba avvenire per gradi.
Una volta apprese le tecniche basilari, è consigliabile suddividere in un tempo equo lo studio e la pratica delle Discipline, scegliendo solo in seguito cosa approfondire, in base alle predisposizioni sviluppate nel proprio percorso.

Show Buttons
Hide Buttons